lunedì, ottobre 20, 2014

La miscela segreta di casa Olivares

(Giuseppina Torregrossa)

"Il profumo si  diffuse leggero come una carezza, poi si fece più forte, solido, quasi un abbraccio, infine divenne un grumo di nostalgia dentro ai loro cuori.
Roberto insinuò la sua mano in quella di Viola, lei lo guardò di sottecchi.
"Non c'è caffè senza amore" sussurrò lui.

Un romanzo al profumo di caffè!
Perchè il caffè è il protagonista principale, accompagnato da Roberto Olivares, il torrefattore, da sua moglie Viola, la caffeomante, da Genziana, il più bel fiore tra i figli di Roberto, e dal "drago fiammeggiante" che altri non è che la macchina che tosta da mattina a sera, da tutta la famiglia di Roberto, una famiglia sempre tenuta insieme dal"respiro delle donne"
Attorno c'è Palermo, la guerra, la solitudine, la povertà, il coraggio, la debolezza, l'orgoglio, l' "arabica" e la "robusta". Tutto condito da una sottile sensualità, da descrizioni meravigliose che ti fanno sentire persino i profumi delle strade, da modi di dire a me cari perchè mi ricordano la mia terra e i miei genitori.

3 commenti:

Aliza ha detto...

è proprio così, nulla più del caffè risveglia ricordi, scioglie silenzi e fa cadere barriere. Nulla si può paragonare... ciao

Anna-Marina ha detto...

Quindi ....se io do il miele a te tu poi dai il caffè a me!

valeria rachiele ha detto...

E pensare che a me il caffè non piace... Ma questo libro lo vorrei proprio leggere.