mercoledì, giugno 25, 2008

ci risiamo

Ci risiamo: tante promesse e ...
Nei due anni di governo della sinistra il telegiornale dell 19 condotto da Emilio Fede tutte le sere ci propinava interviste a poveri cittadini in ambasce per la situazione economica italiana: tutti stiamo diventando poveri, non si riesce più ad arrivare alla quarta settimana, il governo sta affondano l'Italia.
Il governo di sinistra è caduto!
Gli italiani ricominciano a respirare, nel TG di Fede non si parla più di 4° settimana, non ci sono più interviste di "poveri", va tutto bene!
Tremonti "concede" un bonus ad alcuni pensionati, ma programma l'inflazione all'1,7 e tanti saluti a quella reale che è il doppio.
Berlusconi toglie l'ICI sulla 1^ casa, ma i Comuni in che modo copriranno le minori entrate? Tutti pagheremo qualcosa in più, anche chi non ha la casa di proprietà e già paga affitti salati.
In tre anni gli insegnanti della scuola pubblica (ai miei tempi esisteva solo la SCUOLA) saranno diminuiti di 150.000 unità per "razionalizzare e risparmiare" e tanti saluti a tutti quei precari che per anni sono stati sfruttati e che hanno fatto funzionare la scuola con stipendi al minimo e senza sicurezza ( e non pensiate che non abbiano lavorato seriamente).
Per risparmiare di più si potrebbe chiudere la scuola pubblica a tutto vantaggio di quella privata tanto cara a Barlusconi.
Certo dopo torneremo ai tempi di don Milani e della scuola di Barbaiana, a prima del '68 quando chi poteva economicamente studiava e gli altri ...
Un popolo ignorante si governa meglio!

2 commenti:

valeria ha detto...

ben detto! non avrei saputo far di meglio! sono sicura che non tutti capiranno questo post, ma io che mi sento molto coinvolta... che tristezza! bacini

Homitsu [D. Riboli] ha detto...

Berlusconi toglie l'ICI sulla 1^ casa, ma i Comuni in che modo copriranno le minori entrate?
Magari cominciando a risparmiare qualcosa sulla ridda di scandalose consulenze esterne?

ai miei tempi esisteva solo la SCUOLALa scuola privata è esistita dalla seconda metà del XVI secolo. In Italia fu parificata alla Statale nel 2000 [ma era molto diffusa già dal 1800] da Massimo D'Alema insieme ad uno stanziamento complessivo d'appoggio di 340 miliardi di lire.

In tre anni gli insegnanti della scuola pubblica saranno diminuiti di 150.000 unità In Germania ci sono 20 milioni di abitanti in più e 200.000 insegnanti in meno rispetto all'Italia. in compenso abbiamo il personale ATA più numeroso d'Europa. I "tanti precari" sono stati quasi tutti creati dai Governi D'Alema, Amato e Prodi. Il Ministro Gelmini ha - tra l'altro - imposto da subito l'obbligo per tutte le case editrici di testi scolastici di affiancare ad OGNI edizione cartacea, una elettronica e scaricabile da internet a basso costo e si riferisce ai Corsi Siss come ad una "perversione a pagamento" [virgolette mie] che "crea un'aspettativa destinata ad essere disattesa, nei confronti della quale non è da escludere un provvedimento drastico" [sic].

Per risparmiare di più si potrebbe chiudere la scuola pubblica a tutto vantaggio di quella privata tanto cara a Barlusconi.Come già accennato, la scuola privata ed in particolar modo quella cattolica, sta ugualmente a cuore ad entrambe le parti; è palese.

prima del '68 quando chi poteva economicamente studiava e gli altri...Solo un esempio: mio padre era poverissimo. Ha studiato, lavorato, studiato e infine è divenuto lui professore. La cattedra la lasciò nel 1970, nauseato dalla bovina accettazione che l'Università di Urbino dimostrò nei confronti dell'esame di gruppo, reclamato a strilli, strepiti e sassate dai sessantottini.

Ho risposto a questo tuo scritto perché tratti di cose che in fondo mi riguardano. Questo genere di discorsi, però, ormai m'annoiano.

È giusto che ognuno - a casa propria - scriva quello vuole. È normale che ognuno di noi si "nutra" di ciò che apprezza e rifugga quel che non gli piace.

Da questo punto di vista ogni commento è una inutile perdita di tempo, tanto per chi lo legge quanto per chi lo scrive e come ogni elemento inutile è pure un po' dannoso.

Per questo motivo, io - coi commenti - mi fermo qui e farò in modo che chi perde tempo a leggermi faccia lo stesso con me.

Ma questa è una divagazione; tornando all'oggetto della questione ti segnalo, se ai voglia, questo articolo del Sole24Ore per le citazioni che ho riportato del Ministro Gelmini e Wikipedia alle voci "Elenco dei Ministri della Pubblica Istruzione", "Scuola privata", "Scuola cattolica" per tutti gli altri dati.